Imparare ad amarsi

di Stefano Bataloni

Ieri mattina ho partecipato alla Santa Messa presso l’auditorium del Ministero dell’Ambiente. È da un po’ di anni che in Avvento e in Quaresima, presso quella sede istituzionale si celebra l’Eucarestia, è una forma di missione nei luoghi di lavoro.

Fortemente voluta, fino a pochi anni fa, da un drappello di dipendenti, oggi invece è caldamente “patrocinata” dai vertici del ministero stesso, in cui evidentemente la componente di cattolici non è trascurabile. L’iniziativa mi colpisce molto perché proprio in quello stesso auditorium, dove oggi sedevano accanto a me onorevoli, direttori generali e militari in alta uniforme, sempre più spesso di questi tempi si sente parlare dell’uomo come la fonte di ogni male per il pianeta Terra, ci si riferisce alla creatura umana come fosse un cancro da estirpare, una specie infestante da sterminare; eppure quello è lo stesso uomo per la cui salvezza Gesù Cristo è venuto al mondo e ha compiuto il più grande sacrificio donando la sua stessa vita, come abbiamo rivissuto nella Eucaristia!

Al di là di questo, però, a rendere speciale l’occasione era il celebrante: l’amico don Paolo A.
Il brano del Vangelo proclamato è stato il racconto dell’annuncio dell’Angelo a Maria. Don Paolo nella sua omelia ha spiegato bene come il Signore Dio si sia rivolto a Maria con rispetto, senza imposizioni e preservando la sua libertà. Maria, d’altra parte, era in un periodo di attesa, era presa dalla realizzazione del suo progetto di vita con Giuseppe, suo promesso sposo. Il progetto di Maria era buono, e giusto, piú che meritevole di essere portato a compimento.
Il Signore però – ha continuato don Paolo -le scombina i piani, le fa una proposta alternativa, le indica una strada diversa da quella che aveva in mente di percorrere, peraltro, una strada che avrebbe pure comportato qualche serio rischio per lei, dati i tempi che correvano.

Maria però, si affida al Signore, sa che il Suo disegno di salvezza può passare per vie che lei non comprende appieno in quel momento, vie che richiedono un po’ di fatica, vie che escono dai suoi schemi. L’affidamento di Maria genererà Gesù, il salvatore degli uomini.

Don Paolo ha concluso ricordando che anche ognuno di noi, affidandosi al Signore può generare Gesù, può generare la salvezza, propria e del suo prossimo.

Trascorrono pochi minuti dalla fine dell’omelia che io stesso mi trovo in una situazione del tutto analoga a quella di Maria: mi presento di fronte al sacerdote per ricevere l’ostia consacrata e prima di portarla alla mia bocca, don Paolo mi chiede se me la fossi sentita di aiutarlo nella distribuzione dell’Eucarestia.

Ero preso dai miei progetti ma mi era stata rivolta una proposta alternativa, venivo chiamato a percorrere un’altra strada.

D’altronde in sala c’erano non meno di duecento persone, era più che comprensibile quella proposta, per di più era una proposta formulata con dolcezza e rispetto della mia libertà, proprio come quella dell’Angelo a Maria.

Io ho rifiutato. 

In un istante mi è tornata alla mente un’occasione precedente in cui, ad una identica proposta, risposi positivamente ma fu per me un disastro. Non accadde nulla di grave ma tremai come una foglia per tutto il tempo, le mie mani non riuscivano a restare salde con in mano il corpo di Cristo, mi passai la pisside sulla mano destra tentando di trovare maggiore sicurezza nel distribuire le ostie con la sinistra ma non funzionò. Fu un momento di grande imbarazzo.

Presa l’ostia, quindi, me ne sono tornato a sedere al mio posto.

Alla fine della celebrazione sono andato a scusarmi con don Paolo per il mio comportamento, ma lui, da buon “padre”, mi ha accolto con un sorriso e un incoraggiamento.

Nel resto della giornata sono stato a rimuginare su quel mio rifiuto, sul mio non essermi affidato, ho passato in rassegna tutte le mie paure: quella di mostrarmi incerto e fragile di fronte agli altri, quella di non essere sempre all’altezza del compito assegnato o anche quella di essere messo in mostra. 

Attraverso questo piccolo episodio ho compreso perché Zaccaria, che come Maria era stato visitato da un Angelo del Signore, all’annuncio della nascita di Giovanni fu ridotto al silenzio: Zaccaria non si affidò, forse ebbe paura.

Mi sono sentito proprio come Zaccaria: muto, e triste. Ma ho fatto anche di peggio: mi sono condannato per quelle mie paure, mi sono rimproverato per aver perso l’occasione di fare qualcosa di buono, per me, per don Paolo e per gli altri. Ho assaporato la gioia che mi avrebbe dato se mi fossi affidato e avessi accettato la proposta che mi era stata rivolta e non mi sono perdonato per quella poca fede, per quel rifiuto.

Tornando a casa, però, mi è tornata alla mente una catechesi ascoltata pochi giorni fa. Il sacerdote diceva: non è possibile amare gli altri e amare Dio se non si impara ad amare se stessi.

Quale padre – aggiungeva – rimprovera suo figlio quando cade e si fa male? Quale madre non si precipita ad abbracciare suo figlio quando è malato o fragile o spaventato? Non è solo la voglia di consolare che muove un padre ed una madre di fronte alle difficoltà del figlio, in fondo c’è soprattutto la necessità di aiutarlo a rialzarsi, ad andare avanti, ad imparare dalle cadute o dalle sconfitte.

Ecco, forse, sono stato davvero troppo duro con me stesso. Come potevo seriamente dare per scontato che le mie paure fossero scomparse e le mie ferite fossero sanate? Come ho potuto convincermi di poter essere sempre perfettamente all’altezza della situazione?

No, sono umano, sono fragile, sono spaventato e inadeguato per costituzione, ma conosco l’amore che si prova per un figlio malato e impaurito, l’ho provato, quell’Amore vive in me: devo solo imparare a rivolgerlo anche verso me stesso.

Siamo in Avvento, siamo in attesa dell’arrivo del Re dei re, del Signore dei signori, che, per Amore, verrà tra noi nel modo meno regale e signorile possibile, a insegnarci che anche attraverso la fragilità e la debolezza si arriva alla salvezza.

Quale periodo migliore di questo per imparare ad amarsi? 

11 risposte a "Imparare ad amarsi"

Add yours

  1. Caro Stefano, non credo tu sia stato troppo duro con te stesso… Anzi ha fatto una perfetta analisi introspettiva spirituale su questo apparentemente piccolo episodio che ci hai raccontato.

    Infondo tu stesso lo dici, ti sei tirato indietro per una precedente esperienza di “grande imbarazzo”, cioè una di quelle situazioni che ci mostrano un nostro preciso limite, che ci fanno sentite inadeguati e quindi toccano il nostro orgoglio. L’orgoglio di non essere come sempre vorremmo essere ai nostri occhi e a quelli altrui perfetti e inappuntabili …cosa che grazie a Dio non siamo.

    Per il resto spero ti sia data altra occasione per essere Ministro straordinario della Comunione Eucaristica. É un servizio che già da anni mi é stato concesso di svolgere e credo sia veramente un dono e un “privilegio”. Poter toccare con le mie mani il Santissimo Corpo di Cristo, poter essere l’inutile servo che ad un incredibile varia umanità, porge questo Cibo salvifico, ricordando e proclamando ad ogni singola persona “il Corpo di Cristo”.
    Guardare questi fratelli e sorelle negli occhi e vedere queste mani tese o queste bocche che chiedono di essere sfamate. Avere anche attenzione, come un attento custode, per quel breve tempo concesso, che tutto si svolga come é giusto e doveroso (dico questo perché mi é accaduto di trovarmi di fronte atteggiamenti “strani” o dubbi).
    Insomma un servizio che certamente si fa con trepidazione, ma che regala gioia interiore profonda.

    Ti dico questo non perché tu ti abbatta per il rifiuto dato, ma per incoraggiarti, ti dovesse ricapitare.
    Come Maria possiamo anche rispondere “come possibile questo” sono inadeguato… Ma subito dopo sia fiducioso il nostro SI.
    Si Signore, eccomi!

    Buon Natale caro Stefano.

    Piace a 2 people

    1. Grazie Bariom. Lo stesso don Paolo, che ha celebrato la messa di ieri, mi ha inviato a diventare ministro straordinario. Tu mi confermi che è un servizio bello e importante da prestare nella Chiesa, come avevo intuito.
      Sono anche certo che, con un po’ di pratica potrei svolgerlo senza difficoltà.
      Auguro anche a te e alla tua famiglia un felice Santo Natale.

      "Mi piace"

      1. Ottimo Stefano.

        Io stesso volevo invitarti a seguire il corso e prestarti a questo servizio – che tra l’altro può prevedere il portare l’Eucarestia ai malati, altro servizio prezioso e molto arricchente – ma non mi ero voluto spingere oltre… 😉

        "Mi piace"

  2. Preg.mo sig. Stefano, sono piu’ che convinto che Ella, in quel frangente, nell’immediatezza, abbia fatto la cosa giusta. Il suo non e’ stato un rifiuto categorico, una chiusura a priori ad una richiesta annunciata ma, l’atteggiamento ponderato di chi, come la Vergine, ha compreso l’importanza del compito al quale si era richiesti. Occorre riconoscerLe merito: certi incarichi non si affrontano di getto e non si improvvisano; Maria non improvviso’ nulla e, nella sua miracolosa maternita’, venne preparata preventivamente dall’arcangelo Gabriele. Presa consapevolezza dell’enorme incarico al quale era chiamata, quello di divenire il tabernacolo vivente custode del Figlio di Dio, assolse poi brillantemente il suo compito, diventando cosi’ la Madre Vergine di tutti noi. Ella, ora preparato, nel suo piccolo potra’ senz’altro assolvere ad eventuli richieste del ministro di Dio che, sicuramente, non manchera’ di reiterarLe la richiesta, consapevole della bonta’ della scelta.

    Un caro saluto e felice Natale alla sua meravigliosa famiglia.

    Piace a 1 persona

  3. Caro Stefano se vogliamo amare gli altri ,prima dobbiamo imparare ad amare noi stessi.E’vero che negli altri c’e’Gesu’e quindi dobbiamo loro amore ,ma anche dentro noi c’e’Gesu’e non dobbiamo farci troppe paranoie o pretendere troppo da noi stessi,dobbiamo accettare le nostre paure,limiti e ansie da perfettini.
    ok,ti e’andata cosi’questa volta,la prossima volta,non ti buttare cosi’a terra e fai cio’che ti dicono,anche perche’se quella richiesta non la richiedi tu ma ti viene fatta da un sacerdote ,vuol dire che…ti viene fatta da Gesu’stesso:gli avresti detto di no???
    Ricordatelo sempre ,te lo dice una che e’la piu’peccatrice tra gli uomini e cio’nonostante E’chiamata da 12 anni a svolgere questo servizio pastorale,quello di ministro straordinario:nessuno di noi sarebbe degno di prendere tra le mani Dio!
    Facciamolo consci della nostra pochezza,ma consapevoli del nostro cuore,il resto…e’opera di Dio!!!
    Auguri!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Anna Vercors

Che val la vita se non per essere data? (P. Claudel)

Polar adventures

Flavia & Cecilia: 40 giorni in antartide

La mia pasticceria

"Non c'è nessun dolce che può accontentare il palato se non è raccontato."

Emozioni: idee del cuore

Raccontare le emozioni tra le pareti della Sala Operatoria e della mia vita.

Immaginiluoghieparole

Alcune prima, altre dopo...

Breviarium

si qua virtus et si qua laus

Annalisa Teggi

ascolto - guardo - scrivo

Una casa sulla roccia

Cercando il vero, il buono, il bello...

Ratei passivi

Dinamiche interpersonali, di coppia, sociali

La fontana del villaggio

diario di un curato di città

Il blog di Giorgia Petrini

Credo in un solo Dio. Su tutto il resto pongo domande.

TRENTAMENOUNO

...Ancora un passo avanti...

paolabelletti

Vivo, penso, scrivo, posto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: