Mi parlò con autorità

di Stefano Bataloni

Andarono a Cafarnao e, entrato proprio di sabato nella sinagoga, Gesù si mise ad insegnare. Ed erano stupiti del suo insegnamento, perché insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi. Allora un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare: «Che c’entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio». E Gesù lo sgridò: «Taci! Esci da quell’uomo». E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, uscì da lui.

Spiega don Luigi Maria Epicoco, su questo brano del Vangelo di Marco, che l’autorità con cui parla Gesù non nasce dalla forza degli argomenti, dalla scelta delle parole, dall’enfasi con cui vengono pronunciate. Quella autorità nasce dal fatto che Gesù non ripete idee imparate a memoria, ma annuncia una verità che risuona in ogni angolo del Suo essere, del corpo, del suo sguardo, della sua voce. “Le persone che hanno autorevolezza sono esse stesse il prolungamento di ciò che dicono. Quando una cosa è vera lo si avverte prima ancora di incrociare la logica del discorso.”

E aggiunge: “è proprio l’impatto con la Verità che smaschera il male nascosto dentro di noi e non dobbiamo spaventarci se quando incontriamo qualcosa di vero, tutto ciò che c’è di falso in noi si ribella. Il male sa che con Cristo non si può scendere a compromessi. Con noi è facile scendere a compromessi, perché a noi molto spesso interessa il quieto vivere, quella pericolosa mediocritas che non ci fa fare troppa fatica e allo stesso tempo non ci fa soffrire eccessivamente. Ma quando la Parola di Gesù entra dentro la nostra vita allora non si possono più fare compromessi”

Ho fatto esperienza anche io dell’incontro con qualcuno che parlava con una simile autorevolezza, mi è capitato diverse volte. Ma credo che in questo senso il primo vero incontro lo feci con mia moglie Anna.

Eravamo all’università, ci conoscevamo già da un po’ ma c’eravamo scambiati poche parole. Lei poi aveva un aspetto alquanto buffo, con i suoi capelli a “panettone”, con i jeans a fiori e le scarpe da tennis Reebok, magrissima e molto alta.

Arrivò il giorno, non ricordo bene come e dove, in cui iniziammo a parlare. Seguivamo le lezioni insieme, e subito dopo parlavamo, sui prati che erano fuori dalle aule. Quando era caldo, mangiavamo gelati e parlavamo. Quando era freddo andavamo in biblioteca, facendo finta di studiare e ci scambiavamo bigliettini per non disturbare i vicini.

Il suo parlare fu per me esattamente come un impatto con la Verità, con qualcosa che avvertivo vero già prima di rifletterci sopra. Ad un certo punto mi fu chiaro che gran parte delle cose che avevo creduto vere fino ad allora erano il male che mi abitava, il male a cui mi ero abbandonato perché non volevo fare troppa fatica nella vita, perché non volevo soffrire eccessivamente. Le cose a cui avevo creduto erano solo un brutto compromesso.

Sin dall’inizio della mia storia con Anna, le sue parole mi misero in crisi, perché mi costringevano a fare i conti con le mie paure e con le mie debolezze. La mia risposta interiore era simile a quella dell’indemoniato di cui si parla nel Vangelo: “che c’entri con me, sei venuta a rovinarmi!”, tanto che tra me e lei non mancarono le grida.
Ma le sue parole continuavano ad aggredire il mio male: “Taci!” – mi dicevano – “Esci da quell’uomo!” – insistevano. E di tanto male, ora, credo di essermi liberato.

Anna, forse non lo sa, ma non ha mai smesso di parlarmi con quella autorevolezza: ancora oggi, quasi ogni giorno, parla e agisce con me come Gesù con l’indemoniato.

Parte del mio “spirito immondo” ancora abita in me, però, e avrò ancora bisogno delle sue parole.

Voglio credere che Anna abbia fatto tutto questo non solo per i meriti che indubbiamente ha dimostrato di avere, ma perché un “Volere” più grande di noi ha voluto che diventasse colei che avrebbe incontrato il mio cuore non solo per rapirlo, ma per liberarlo e convertirlo.

Annunci

6 risposte a "Mi parlò con autorità"

Add yours

  1. Voglio credere che Anna abbia fatto tutto questo non solo per i meriti che indubbiamente ha dimostrato di avere, ma perché un “Volere” più grande di noi ha voluto che diventasse colei che avrebbe incontrato il mio cuore non solo per rapirlo, ma per liberarlo e convertirlo.

    Fai bene Stefano a volerlo credere… puoi e devi crederlo, perché quell’autorità che viene dall’Alto, quella capace di aprire il nostro orecchio e scendere sino nel profondo del cuore (sede dell’anima nella tradizione ebraica), senza nulla togliere alle doti di Anna, viene dallo Spirito Santo, perché lo Spirito Santo soffia dove vuole e scende su chi vuole e spessissimo agisce tramite persone che Dio ci pone accanto per la nostra conversione, come nel caso tuo.

    Quando poi si tratta della Parola di Dio, riportata o meno da una persona, la Parola ha una “sua autorità”, ha un suo potere e come dice San Paolo:

    «…la parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla e scruta i sentimenti e i pensieri del cuore.» (Ebrei 4,12)

    per cui penetra, taglia (i gangli del peccato e delle schiavitù) e ritraendosi risana.
    Un po’ ciò che tua hai sperimentato.

    Piace a 1 persona

  2. Be,l’autorevolezza di Gesù deriva in primis dal fatto ch’Egli sa di essere il Figlio di Dio. Esiste una coeternita’ tra il Figlio ed il Padre e se Dio è Padre da sempre significa che ha il Figlio da sempre. Nel Padre tu trovi sempre il Figlio e non cè Padre senza Figlio.
    Il male è poi superato in potenza dal bene e vinto. Paolo agli Efesini ed ai Colossesi afferma palesemente che Dio riconcilia tutte le cose in Cristo. Non comprende, quindi, anche quegli esseri che attualmente sono contro Dio? Dove c’è Dio, necessariamente il male cessa di esistere…
    e quando la Parola di Gesù entra dentro la nostra vita allora non si possono più fare compromessi”.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

"Semplicemente insieme" Lucetta

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

Polar adventures

Flavia & Cecilia: 40 giorni in antartide

La mia pasticceria

"Non c'è nessun dolce che può accontentare il palato se non è raccontato."

TOKALON MATEMATICA

Didattica della Matematica

Emozioni: idee del cuore

Raccontare le emozioni, attraverso il battito del cuore, perché la felicità è nascosta ma se troviamo la bussola scopriamo la strada giusta

Immaginiluoghieparole

Alcune prima, altre dopo...

Breviarium

si qua virtus et si qua laus

Capriole cosmiche

di Annalisa Teggi

Una casa sulla roccia

Cercando il vero, il buono, il bello...

Andrea Torquato Giovanoli

L'angolo del BarbaBabbo

Ratei passivi

Dinamiche interpersonali, di coppia, sociali

La fontana del villaggio

diario di un curato di città

Il blog di Giorgia Petrini

Credo in un solo Dio. Su tutto il resto pongo domande.

TRENTAMENOUNO

...Ancora un passo avanti...

paolabelletti

Vivo, penso, scrivo, posto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: