Camminare seguendo la bellezza

di Stefano Bataloni

L’Epifania è appena passata e in questi giorni mi sono tornate in mente le parole di una bella catechesi che ho ascoltato tempo fa sulla vicenda dei Re Magi.

I Magi – diceva il sacerdote – videro qualcosa di bello nel cielo, una stella, lasciarono tutto e intrapresero un cammino.
Non partirono di loro iniziativa ma perché richiamati da un evento. La loro fu una risposta alla iniziativa di qualcun altro. Cercarono qualcosa che però era già presente.
Il cammino fu lungo e difficile, trovarono ostacoli lungo il percorso, ma non si fermarono. I Magi obbedirono al richiamo di quella bellezza che avevano conosciuto: continuarono a camminare guardando al cielo, guardando verso l’alto.
La stella che seguirono, però, era solo un segno. La stella li condusse ad una persona, un bambino. Quella bellezza che videro nel cielo non era fine a sé stessa ma rimandava alla relazione con qualcuno.
Una volta stabilita quella relazione, i Magi sperimentarono una grandissima gioia e da quel momento non furono più gli stessi, non poterono più ripercorre la stessa strada per tornare a casa, l’incontro con quella persona aveva operato una conversione in loro.

Esiste però anche un altro modo di camminare – aggiunse il sacerdote nella sua catechesi – molto diverso da quello dei Magi, ed è quello del serpente di cui si parla nel libro della Genesi.
Il serpente cammina sul suo ventre, è costretto a camminare così. Il serpente guarda verso il basso, si nutre di polvere, di bruttezza, di miseria. Il serpente vive di sofferenza e tristezza. Il serpente non cerca relazioni, trova sempre e solo se stesso. Il serpente resta prigioniero della sua condizione per tutti i giorni della sua vita.

Ecco, anche noi viviamo i nostri giorni camminando come i Magi a volte; altre volte, invece camminiamo come il serpente.

C’è della bellezza nella nostra vita, una stella, forse più di una: la propria moglie, i figli, un lavoro, una particolare abilità o sensibilità. E’ una bellezza che ci è stata donata e di cui spesso ci dimentichiamo.
Ci capita non di rado di abbandonare il cammino che ci conduce a quella bellezza, ci capita di abbandonarci a cose brutte, parole cattive, gesti sgarbati. Ci capita di chiudere il nostro cuore agli altri, di guardare solo a noi stessi, alle nostre paure, ai nostri bisogni; ci capita di vivere strisciando a terra.

Ci capita tutto questo perché non vogliamo fare la fatica di affrontare gli ostacoli che ci sono lungo il cammino, perché abbiamo paura di lasciare le nostre sicurezze, di mettere in discussione i nostri schemi.

Ci capita tutto questo perché non sappiamo più che quella stella che vediamo nel cielo, e che siamo invitati a seguire, è il segno della Bellezza Vera, quella a cui, una volta incontrata, non puoi più fare a meno di donare tutto quello che hai.

Annunci

6 risposte a "Camminare seguendo la bellezza"

Add yours

  1. E’ la differenza tra l’avere un prospettiva verso il Cielo ed una esclusivamente “orizzontale”, o peggio un visone che piano piano si reclina verso il basso, dove perdiamo anche la seppur limitata “prospettiva orizzontale”…

    Alle volte è sufficiente guardare solo un “poco” più in altro, senza per forza scrutare le stelle o gli astri (quanti lo fanno cadendo nella stupidità della divinazione…).

    Ricordiamo l’episodio degli Ebrei nel deserto attaccati e uccisi dai serpenti (come si vede il serpente ritorna…):

    Numeri 21, 6-9

    Allora il Signore mandò fra il popolo serpenti velenosi i quali mordevano la gente e un gran numero d’Israeliti morì. Allora il popolo venne a Mosè e disse: «Abbiamo peccato, perché abbiamo parlato contro il Signore e contro di te; prega il Signore che allontani da noi questi serpenti». Mosè pregò per il popolo. Il Signore disse a Mosè: «Fatti un serpente e mettilo sopra un’asta; chiunque, dopo essere stato morso, lo guarderà resterà in vita». Mosè allora fece un serpente di rame e lo mise sopra l’asta; quando un serpente aveva morso qualcuno, se questi guardava il serpente di rame, restava in vita.

    e da Giovanni abbiamo l’interpretazione:

    Giovanni 3,14

    E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo,

    Certo qui siamo difronte ad una “bellezza misteriosa” e apparentemente paradossale – un uomo appeso ad una croce, ma i Magi oltre a incenso e oro, portavano mirra, unguento per la sepoltura e la culla del Bimbo, il suo essere completamente fasciato, nella tradizione dell’iconografia ortodossa, prefigurano il sepolcro…

    Ma il Natale è già annuncio della Pasqua, Pasqua di Resurrezione.

    Piace a 1 persona

  2. È assai più facile volare bassi anziché elevarsi verso l’alto, verso cieli limpidi che offrono strepitosi scenari ma che, parimenti, richiedono una adeguata consapevolezza, un affido, uno sforzo che il volo radente non presenta.
    Solo chi riuscirà a librarsi verso la più elevata meta seguendo la stella maestra scoprirà il vero senso della vita, non tentato dal vanesio e dall’ effimero che caratterizza il volo terra terra.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

"Semplicemente insieme" Lucetta

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

Polar adventures

Flavia & Cecilia: 40 giorni in antartide

La mia pasticceria

"Non c'è nessun dolce che può accontentare il palato se non è raccontato."

TOKALON MATEMATICA

Didattica della Matematica

Emozioni: idee del cuore

Raccontare le emozioni, attraverso il battito del cuore, perché la felicità è nascosta ma se troviamo la bussola scopriamo la strada giusta

Immaginiluoghieparole

Alcune prima, altre dopo...

Breviarium

si qua virtus et si qua laus

Capriole cosmiche

di Annalisa Teggi

Una casa sulla roccia

Cercando il vero, il buono, il bello...

Andrea Torquato Giovanoli

L'angolo del BarbaBabbo

Ratei passivi

Dinamiche interpersonali, di coppia, sociali

La fontana del villaggio

diario di un curato di città

Il blog di Giorgia Petrini

Credo in un solo Dio. Su tutto il resto pongo domande.

TRENTAMENOUNO

...Ancora un passo avanti...

paolabelletti

Vivo, penso, scrivo, posto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: