Santa Pasqua 2018

di Mario Barbieri

A chi non piacerebbe avere un salvacondotto, un lasciapassare, dalla tristezza alla gioia, dalla sofferenza alla felicità, dalla morte alla Vita…?

Chi non desidererebbe in certi momenti della propria esistenza, quelli più neri, quelli senza speranza, quelli in cui le forze ti abbandonano, avere qualcuno che ti prende per mano, anzi ti afferra, ti solleva di peso, ti trascina “fuori”… fuori da quelle sabbie mobili che sono il nostro vissuto, i nostri limiti, le nostre infermità. Sabbie mobili nelle quali, com’è per loro natura, più ti agiti, più cerci una via d’uscita… più affondi.

Fuori dai nostri sepolcri!

Anche questo simboleggia l’icona su riprodotta. Certo rappresenta la discesa di Cristo agli Inferi, che viene a salvare chi prima della sua venuta era rimasto “schiavo” della morte, perché questa ancora non era stata sconfitta. I Giusti che attendevano di poter accedere alla Casa del Padre. E i primi ad essere afferrati sono proprio Adamo ed Eva, il primo Uomo e la prima Donna che per primi hanno gustato l’amaro sapore della disobbedienza e della morte.

Ma che si sia credenti o non-credenti, che si creda nella storia di Adamo o nella possibilità della Vita Eterna, la possibilità di essere tratti fuori dalle nostre piccole e grandi morti quotidiane, è qui. È per tutti! E’ la Pasqua. E’ il Cristo Risorto.

Pasqua significa “passaggio”, passaggio dalla morte alla Resurrezione di Cristo e di chi crede in Lui.
Passaggio come fu per gli Ebrei, che fanno memoria del passaggio dalla schiavitù alla libertà, dell’uscita dall’Egitto verso la Terra Promessa, guidati da quel Mosè che è figura di Cristo, quel Mosè inviato loro da Dio che aveva ascoltato il grido del Suo Popolo.

Pasqua, simbolo ed evento della concreta possibilità data ad ogni Uomo, di avere qui e ora la propria esperienza “di vita eterna”, la possibilità di non essere schiacciati dalla sofferenza sino e rimanere esanimi, di non provare quel terrore, quella paura per l’avversità che ti attanaglia il cuore sino a che non può più battere, che pesa sul petto al punto che non ha più possibilità di un solo respiro.
Simbolo, non talismano, Non fuga, ma entrata nella morte per uscirne vittoriosi.

Perciò auguro a tutti di incontrare il proprio Mosè di incontrare Cristo Risorto, auguro a tutti BUONA PASQUA …buon “passaggio”.

4 risposte a "Santa Pasqua 2018"

Add yours

  1. Grazie per questo post! Grazie per ogni volta che siete stati aiuto per il mio “passaggio”… Smack! E tantissimi auguri. 😀

    "Mi piace"

  2. Gia’ in passato mi e’ capitato di leggere qualche saggio di Barbieri; che si puo’ dire? Solo che si rimane estasiati per lo stile della scrittura e, soprattutto, per la profondita’ dei concetti espressi, propri di chi ha amato molto e, forse, sofferto altrettanto.

    "Mi piace"

  3. Buona Pasqua! Buon incontro! e….buono tutto quello che permette, agevola, favorisce, provoca la ricerca di una resurrezione e l’esperienza del Santo Passaggio!! Buona Vita!!! Grazie a questo blog, a chi l’ha pensato, intuito, iniziato, promosso…e Chi lo mantiene vivo e generoso di Vita vissuta!!! Un abbraccio nel Signore a tutti e a ciascuno!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Anna Vercors

Che val la vita se non per essere data? (P. Claudel)

"Semplicemente insieme" Lucetta

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

Polar adventures

Flavia & Cecilia: 40 giorni in antartide

La mia pasticceria

"Non c'è nessun dolce che può accontentare il palato se non è raccontato."

Emozioni: idee del cuore

Raccontare le emozioni tra le pareti della Sala Operatoria e della mia vita.

Immaginiluoghieparole

Alcune prima, altre dopo...

Breviarium

si qua virtus et si qua laus

Annalisa Teggi

ascolto - guardo - scrivo

Una casa sulla roccia

Cercando il vero, il buono, il bello...

Ratei passivi

Dinamiche interpersonali, di coppia, sociali

La fontana del villaggio

diario di un curato di città

Il blog di Giorgia Petrini

Credo in un solo Dio. Su tutto il resto pongo domande.

TRENTAMENOUNO

...Ancora un passo avanti...

paolabelletti

Vivo, penso, scrivo, posto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: