In principio era il Verbo

di Anna Mazzitelli

Scrivere utilizzando il cellulare non è facilissimo, ma ci provo.

Ci provo perché due cose mi hanno commossa, e ci tengo a segnarle, a ricordarle.

La prima è la grande quantità di messaggi, commenti al mio precedente post, e anche mail personali, che mi sono arrivate dopo averlo pubblicato. Tante persone, più o meno conosciute, più o meno sconosciute, mi hanno scritto per dirmi delle belle cose, per assicurarmi che avrebbero pregato per me, la mia amica di penna si è addirittura messa la sveglia, la mattina della messa per Filippo e Giacomo, per non dimenticare di pregare assieme a noi, per noi.

Non posso non commuovermi e so che sono ripetitiva, ma questa comunione dei santi in cui per anni ho decretato di credere, ogni domenica a messa durante la recita del Credo, e che adesso è la cosa più reale che esiste nella mia vita, continua a sorprendermi.

E assieme ad assicurazioni di preghiere, sono arrivate anche richieste, perché è così che funziona, non importa sapere che faccia hai o dove vivi, se conosco qual è la cosa che ti sta a cuore e per la quale preghi e chiedi di pregare, sei mio fratello, sei mia sorella!

La seconda cosa che mi ha commossa è stato, il 3 gennaio sera, leggere il Vangelo del giorno, Vangelo che era stato letto durante la messa celebrata per Filippo e Giacomo quella mattina. Mi dispiace di non aver avuto la presenza di spirito e la voglia di scrivere subito, avrei dovuto farlo, perché il Vangelo diceva così:

Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di lui, eppure il mondo non lo riconobbe.

Venne fra la sua gente, ma i suoi non l’hanno accolto. A quanti però l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio (Gv 1,9-12)

Eccola lì la Luce che cercava Benedetto nel suo Speco, un Vangelo come una risposta, come una conferma, come un regalo.

Grazie a tutti quelli che mi hanno scritto, a quelli che non hanno scritto ma hanno pregato, a quelli che non si sono ricordati di pregare perché avevano la testa da un’altra parte, ma che so che ci sono.

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;In principio era il Verbo

  1. A volte la testa è da un’altra parte e non se ne può fare a meno… ma il cuore e la preghiera ci sono sempre e comunque.
    Vi voglio bene e vi ringrazio ancora una volta. Smack! 😀

    Liked by 1 persona

  2. Grazie Anna per aver trovato le parole giuste a quello che anch’io sto vivendo e che finora non ero riuscita ad esprimere così chiaramente: ‘questa comunione dei santi in cui per anni ho decretato di credere, ogni domenica a messa durante la recita del Credo, e che adesso è la cosa più reale che esiste nella mia vita, continua a sorprendermi.’
    Sia benedetto Dio che salva attraverso la Croce e la sofferenza…
    Buon Anno!

    Maria Angela

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...