Cercatori o stella?

Link alle Letture dell’Epifania del Signore

Is 60,1-6   Sal 71   Ef 3,2-3.5-6   Mt 2,1-12

Commento alle Letture dell’Epifania del Signore

di Don Stefano Cascio

Ci troviamo di nuovo davanti alla natività.

Abbiamo festeggiato il Natale, la Santa famiglia, il primo gennaio la Madre di Dio e adesso ci ritroviamo ancora una volta davanti alla natività.
Ma i personaggi poco a poco aumentano, un o’ come nei nostri presepi dove molti di voi oggi hanno aggiunto i re magi.

La scena diventa sempre più interessante.
La figura del magio tocca anche ciascuno di noi.

Prima abbiamo avuto i pastori. Vi ricordate, i pastori nella notte di Natale sono stati i primi ad arrivare. I pastori sono persone semplici, e rappresentano un po’ le persone umili, le persone che soffrono, i rifugiati, i poveri, che vengono ad adorare il Signore, Dio che si è fatto uomo.

I re magi erano persone che guardavano le stelle, ricercatori, persone istruite, forse ricchi anche, potenti.
E di potenti ne abbiamo tanti anche nel nostro mondo. Ma la potenza non è solo quella dei grandi capi di stato, può essere anche quella di uno che è sicuro della sua scienza, che fa e disfa il mondo.
E anche qui, forse anche nella nostra comunità ne abbiamo tanti, ma anche loro si mettono in ginocchio davanti al Signore.

Come è possibile che sia i pastori sia i re magi, queste due categorie di persone completamente diverse, siano entrambi in ginocchio davanti a un bambino. Perché?

Perché ricchi o poveri, umili o superbi, il cuore dell’uomo è sempre lo stesso. Dietro l’apparenza l’uomo ricerca la stessa cosa.
L’uomo cerca di capire, ha le stesse domande: “Chi sono? Dove sto andando? C’è un Dio? C’è una sola verità?”

Ogni uomo, ogni donna, ogni persona nella sua vita ha bisogno di risposte a queste domande. Allora si mette alla ricerca.

I magi seguono la stella. Stavano cercando qualcosa, stavano cercando un Messia che doveva nascere a Betlemme di Giudea.

L’uomo è sempre alla ricerca di risposte.
Perché ci rendiamo conto che noi non siamo la risposta alle nostre domande. Ci rendiamo conto che la libertà che cerchiamo va al di là di quello che ci limita.

Quante volte leggiamo di persone rinchiuse in carcere, penso per esempio al Cardinale Van Thuan, questo vietnamita che per anni e anni, perché vescovo, era rinchiuso in carcere, ha trovato lì la vera libertà. Celebrava la messa nella sua mano, questo era il suo altare, con un pezzettino di pane e il vino che si faceva portare fingendo che fosse sciroppo per i suoi problemi di stomaco. Lì lui ha trovato la libertà.
Quante persone ammalate, inchiodate sul letto di un ospedale sono libere, hanno trovato la vera libertà.
Queste persone ci fanno capire che la libertà non è fare quello che ci pare, c’è una libertà che va oltre.

La verità che noi cerchiamo qual è?
Quella del pensiero dominante? Quella più vicina al mio modo di vivere? Questa è la verità?
Ma c’è una verità più grande ed è una sola, che da senso a tutto: l’amore.

L’amore di cui parliamo tanto, che cos’è?
E’ qualcosa che risponde al mio bisogno affettivo, ormonale? O è qualcos’altro?
Non è più grande?

Vedete che l’uomo sta alla ricerca di qualcosa di più grande.

E forse molti di voi l’hanno pure trovata la risposta. Voi forse fate parte di quelli che sono lì, in ginocchio davanti al Signore, perché in lui avete trovato la risposta, il senso della vostra vita.

Ma se voi siete questi uomini e queste donne in ginocchio davanti al Signore, allora dovete essere non più ricercatori, perché voi avete trovato la risposta, ma dovete essere la stella che guida gli altri verso il Signore. Dovete essere la stella che illumina il cammino degli altri, che indica la strada.

Noi abbiamo solo due scelte: cercatori o stella.

Quello è il dovere del cristiano: se ha trovato la risposta deve indicare la strada agli altri. Anche gli altri hanno diritto ad avere una risposta. Anche loro devono poter trovare quel che ha dato senso e gioia alla vostra vita.

Permettetemi allora di riprendere la prima lettura, quelle parole oggi le facciamo nostre:

Àlzati, rivestiti di luce,
perché viene la tua luce,
la gloria del Signore brilla sopra di te.
Poiché, ecco, la tenebra ricopre la terra,
nebbia fitta avvolge i popoli;
ma su di te risplende il Signore,
la sua gloria appare su di te.

Amen.

Annunci

4 Pensieri su &Idquo;Cercatori o stella?

  1. Sono una che ha trovato in LUI il senso della vita però……….fatico ad essere stella. E’ facile con chi ha la stessa fede ma con i lontani, gli increduli, i provocatori, sono rinunciataria. Mi limito a pregare, è l’unico mezzo per raggiungerli. Se non ci mette mano lo Spirito Santo non credo di riuscire ad essere ” stella”

    Mi piace

  2. Sono una che ha trovato il Lui tutte le risposte che cercava ma non riesco ad essere “stella” con i lontani, con i provocatori, con gli arroganti, con gli increduli, con coloro che hanno più bisogno di testimonianza. Per loro riesco solo a pregare. Se non ci mette mano lo Spirito Santo non credo di poterci riuscire.
    Grazie don Stefano e grazie Anna.

    Liked by 1 persona

  3. Pingback: “Fate tutto quello che egli vi dirà” | Piovono miracoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...