La gioia del Natale

di Mario Barbieri

Percorrendo in queste sere alcune delle vie della mia città, mi sono improvvisamente reso conto di quante poche “luci di Natale” si vedano accese alle finestre o sugli alberi dei giardini e, tutto sommato, anche alle vetrine di negozi e negozietti…Certo le luminarie in centro città ci sono e abbondanti, nei centri commerciali non mancano – non potrebbe essere diversamente – ma quelle lasciate ai singoli e alle singole famiglie, mi pare decisamente scarseggino, anzi, sono ben rare. Nel mio stesso palazzo, una sola finestra è illuminata a random da led lampeggianti.

Insomma, quel clima da “Tempo di Natale” che coinvolge (o coinvolgeva) come si usa dire, “grandi e piccini”, “vecchi e bambini”, “credenti e non-credenti”, a guardare le vie dell’immediata periferia cittadina sembra proprio smarrito, se si esclude qualche tristissimo Babbo Natale che resiste appeso alla sua scaletta, fuori da qualche finestra.

Non ho certo statistiche a livello nazionale, ma quella in cui abito è una media città Emiliana, neppure troppo povera, certo non afflitta da disastri ambientali o simili di qualche anno addietro, che giustificherebbero questo “calo di effervescenza natalizia”, quindi…

Quindi mi viene fatto di pensare, come un clima generale di segno ben diverso che tutti conosciamo e che tutti in qualche modo subiamo, le incertezze, le mancanze di prospettiva, la mancanza di lavoro e di conseguenza quella di denaro – fattore non da poco quest’ultimo, che per taluni è il serissimo problema di arrivare a fine mese, per altri intacca anche solo la gioia e la possibilità di fare regali che non sono certo indispensabili – si stiano portando via, spero almeno solo per quest’anno, la “gioia del Natale”.

Ma questo diviene ancora una volta “segno di contraddizione”… perché quale dovrebbe essere la “Gioia del Natale”?

Quella stessa che provarono i pastori quella fatidica notte, quella di persone non certo ricche, anzi per la verità e la realtà del tempo, piuttosto emarginate, che vegliavano perché stavano “lavorando” mentre altri dormivano…

La Gioia dello Stupore, la Gioia della Meraviglia, la Gioia di chi riceve un Annuncio, di chi assiste ad un Avvenimento.

La Gioia di chi, per tornare ai giorni nostri, attende la nascita di un bimbo (dovrebbe valere per la nascita di qualunque bimbo), la Nascita di un Bimbo Re, la Nascita del Figlio Unigenito di Dio, del Salvatore!

Ecco proprio del Salvatore. Perché se attendi un salvatore, non ha importanza quale sia la tua situazione, anzi con più sembra triste o disperata, tanto più questa attesa sarà carica di tensione, di promesse di speranze… perché viene IL SALVATORE!

E così invece, il Natale che cerca la gioia in quello che si può fare o si può avere o anche donare, pur con tutti i migliori sentimenti di questo mondo, si trova mestamente svuotato di senso e di significato. Si trova “povero” come poveri siamo… si domanda: “di che dovrei gioire?”.

E quindi: “perché stendere e accendere luminarie o appendere festoni?”.

Non possiamo neppure chiamarci fuori noi che ci diciamo credenti, perché tutti respiriamo e viviamo lo stesso clima e spesso le stesse preoccupazioni del mondo, finiscono per avere il sopravvento… 

Torniamo quindi a quella semplicità che fu non solo dei pastori, al “si” di Maria e di Giuseppe, alla operosa ricerca dei Magi. All’umiltà di sentirci bisognosi, bisognosi di questo Avvento, di questa Nascita. Bisognosi del SALVATORE.

Gioiosi per questa certezza, che ci è stato donato un Bimbo… ecco Dio viene a salvarci. OSANNA nell’alto dei Cieli!

Venite adoriamo (che altro non è necessario…)

BUON NATALE!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

TOKALON MATEMATICA

Didattica della Matematica

Emozioni: idee del cuore

Raccontare le emozioni, attraverso il battito del cuore, perché la felicità è nascosta ma se troviamo la bussola scopriamo la strada giusta

Immaginiluoghieparole

Alcune prima, altre dopo...

Breviarium

si qua virtus et si qua laus

Capriole cosmiche

di Annalisa Teggi

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

lavitasempreintorno

cosa è la vita, se non amarsi?

Una casa sulla roccia

Cercando il vero, il buono, il bello...

Andrea Torquato Giovanoli

L'angolo del BarbaBabbo

Ratei passivi

Dinamiche interpersonali, di coppia, sociali

La fontana del villaggio

diario di un curato di città

Il blog di Giorgia Petrini

Credo in un solo Dio. Su tutto il resto pongo domande.

TRENTAMENOUNO

...Ancora un passo avanti...

paolabelletti

Vivo, penso, scrivo, posto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: