La verità vi farà liberi

di Anna Mazzitelli

«Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» dice Gesù nel Vangelo di Giovanni (Gv8, 31-32).

La verità.

La verità è che qui si soffre, qui Filippo manca tantissimo, la sua assenza è rumorosa come un uragano, almeno quanto lo era la sua presenza.

La verità è che, dopo due mesi, la stanchezza degli ultimi tempi è passata, ed è rimasto il vuoto.

Come diceva Antonella nel suo commento a uno dei nostri primi post, all’inizio può sembrare facile, ma il brutto viene dopo. La festa finisce, gli amici chiamano raramente… Ho pregato tanto per Antonella, pur non sapendo chi sia, e spero che stia bene, e che ancora stia leggendo quello che scriviamo.

La verità è anche, però, che nonostante il dolore e la mancanza, il desiderio non realizzabile di contatto fisico, andiamo avanti sereni, abbiamo i nostri alti e bassi, certo, ma non ci disperiamo.

Abbiamo fede, crediamo fermamente in quello che abbiamo detto finora, siamo certi che non ci dispereremo, siamo certi della vita eterna.

L’altra verità incredibile che si sta verificando, e che se me l’avessero detto non ci avrei creduto nemmeno per un attimo, è che Francesco e Giovanni stanno bene, bene come noi.

La mia preoccupazione più grande era Francesco, il quale, secondo me, avrebbe vissuto la sindrome del sopravvissuto, avrebbe perso un fratello, un amico, un punto di riferimento, si sarebbe trovato a rivestire il posto di figlio maggiore da un momento all’altro, provando un carico eccessivo per le sue forze.

Invece Francesco sta bene, vorrei dire sta addirittura meglio.

Certamente ora ha più attenzioni da parte nostra, ma non sempre questo è positivo. Riversiamo su di lui, volenti o nolenti, anche più aspettative. Ha più doveri, più responsabilità.

Eppure sta bene.

Ha vissuto i primi sei anni della sua vita all’ombra di una malattia poco nominata ma onnipresente, ha dovuto rinunciare a tutto quello che è normale per gli altri bambini, feste di compleanno, a volte addirittura la scuola, cinema, ha dovuto dormire in letti non suoi ed essere sballottato tra una nonna e una babysitter, ha vissuto lunghi periodi senza uno dei genitori non sapendo mai chi dei due ci sarebbe stato per cena, ha pazientemente sopportato il fratello malato nei momenti in cui riversava su chi gli era più vicino la sua sofferenza e la sua stanchezza.

E tutto questo senza poter capire.

Nessuno ha mai potuto dirgli che Filippo rischiava di morire, né, alla fine, che quella era diventata una certezza.

Così, quando tre sere prima della nascita al cielo di Filippo, ho parlato con Francesco e gli ho detto che Filippo stava morendo, dapprima si è spaventato, poi ha finalmente capito, la verità ha illuminato la situazione, ha smesso di vivere nell’angoscia dell’ignoto e per quanto brutta ha finalmente visto la realtà.

E l’ha compresa. E l’ha accettata. E si è liberato.

Ora parla di Filippo serenamente. Dice che gli manca, dice che vorrebbe rivederlo, giocare con lui. Ma non piange, non si dispera.

La verità lo ha reso libero.

Annunci

11 Pensieri su &Idquo;La verità vi farà liberi

  1. Io faccio parte del dopo.Vi ho conosciuto dopo la nascita al Cielo di Filippo e vi guardo e vi ringrazio. Cerchiamo, come Francesco, di vedere ognuno nella sua vita la Verità che ci fa liberi.Anna ti abbraccio forte! Dio vi ricolmi di pace e di fortezza.

    Liked by 1 persona

  2. Non c’è niente da fare, mi trasmettete tristezza e gioia. Meglio così. Sento che fa bene…Ho poche certezze (ognuno ha le sue montagne russe…) ma sono convinto che Francesco sarà un adulto con un futuro solido, sereno e consapevole. Questa esperienza o travolge o arricchisce per sempre. Seppur con inevitabili alti e bassi l’avete condita di Speranza con la “s” maiuscola. Quindi alla sua età ha gettato delle basi solide. Due genitori come voi con il giusto (e non sempre facile) discernimento, sono un’ assoluta garanzia. Bisognerà continuare ad affidarsi e ad affidarlo…

    Mi piace

  3. Cara Anna,
    grazie ad Angelo posso leggere le tue grandi lezioni di vita. La tua fede è immensa e meravigliosa, il tuo amore per i tuoi figli, la tua famiglia, il tuo piccolo angelo è stupendo, è l’amore di mamma.
    Il dolore per la sofferenza di un figlio e per la sua mancanza fisica è sempre enorme e non dicibile, ma vivibile per la fede e l’amore che Gesù non ci fa mancare.
    Ti abbraccio, mia cara, e vorrei trasmetterti il coraggio e la forza dei tuoi vent’anni, quando ti ho conosciuto, quando abbiamo condiviso alcuni momenti di vita.
    A presto Anna, siete da diversi anni nelle mie preghiere e ci resterete
    Pina

    Mi piace

  4. Grazie Anna! Questo post e gli altri tuoi e di Stefano mi fanno sentire di “casa vostra”. Ringrazio il Signore per voi e soprattutto per avermi dato la possibilità di “conoscervi”. I vostri figli sono speciali, non solo Filippo. Smack! 😀

    Liked by 1 persona

  5. Sai che il mio pensiero costante è sempre stato per Giovanni e Francesco…sono lieta di leggere di loro notizie… Sono certa che Francesco crescerà con un dono in più, che è stato l’insegnamento di Filippo.
    Vi inesorabile sempre lo sai e prego per Filippo .

    Mi piace

  6. Ricordo nettamente anche io il commento della Signora Antonella. Una voce fuori dal coro tra tanti messaggi di speranza, ma senza cattiveria. Solo il grido di dolore di una Mamma terribilmente sola ad affrontare la sua realta’.

    Non conosco nemmeno io la Signora Antonella, ma grazie di averla ricordata, dimostrando un’attenzione e una sensibilita’ particolari. Spero che le sue preghiere (alle quali aggiungo modestamente le mie) la possano sostenere.

    Vi seguo con ammirazione. Grazie per gli spunti di riflessione che condividete.

    Liked by 1 persona

  7. Penso alla rete di amore che avete costruito, condividendo la vostra vita, il vostro dolore, il vostro cammino quotidiano al seguito di Gesù.
    Penso alla vostra bellezza, alla somiglianza che ritrovo in voi con la Famiglia di Nazareth, uniti, ricolmi di amore, di doni che generosamente offrite a chi come me vi incontra anche se “solo virtualmente”. Vi porto nel cuore, sicura che
    i nostri angeli custodiscano ognuno di voi con mirabile cura. Grazie di tutto, Silvia

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...